Tutto bio, tutto eco e tanti hot dog e patatine


Oggi ero fuori dall’ Ikea ad aspettare che mi recuperassero dopo una consegna lampo del nuovo armadio. Lampo per restare all’interno dell’ora del noleggio del furgone. Ma questa è un’ altra storia. Dunque, ero all’uscita ed avevo appena finito un hot dog. Ottimo. Per soli 70 centesimi. E mi sono soffermato a pensare ad una cosa che mi era stata detta qualche settimana prima durante una cena. “la tendenza del settore food & beverage è sempre più orientata al sano e buono”. Vero dico io, io stesso la penso così. Intorno a me sento sempre più parlare di filiera corta, km 0, agricoltura biologica ecc ecc. E questo stride con la passeggiata che ho fatto con il mio hod dog. Dalla cassa all’uscita c’erano solo patatine salatissime, biscotti svedesi, salmone, aringhe, caviale ed il mio hot dog. Niente di vicino al km 0 o all’agricoltura biologica o alla filiera corta. L’unico angolo (in termini geometrici, perché non è nulla di più) che propone cibo apparentemente sano è all’ interno. Che sia questo il seme di cibo sano piantato da Ikea per i propri clienti? Forse si. Ma per il momento il 90% è cibo vecchio stile. E per 70 centesimi quell’hot dog arrivato dritto dalla Svezia solo per me, ci stava proprio oggi. Forse tra 5 anni le proporzioni saranno invertite, e mi dovrò chiudere in un angolo per gustare qualcosa Made in Sweden!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...